Mura umbro romane

Descrizione

Vedi anche la pagina mura urbiche.

La cinta muraria più antica, non ben distinguibile nel suo percorso, date le modifiche, gli ampliamenti, le demolizioni e le diramazioni, non comprende la Rocca ( che non esisteva ) e non è visibile in larga parte.

Un importante indizio è dato dalla porta Ponzianina Alta. Oggi i suo resti sono appggiati a due palazzi, ma era certamente parte di un profilo di difesa, poi integrato a scopi abitativi.

Un suo largo tratto è stato a sua volta integrato nella ultima cinta .

Una importante e lunga parte ben visibile si trova, come è noto, in Via  Cecili. Vi si leggono vari strati: quello a grossi blocchi poligonali calcarei è preromano, risalente probabilmente al quarto secolo a.C..  Lo strato a blocchi quadrati e quanto rimane di una torre risalgono al  241 a.C.. Lo strato a piccoli blocchi di calcare tenero è del I secolo a.C., dopo il terremoto del 63 e le distruzioni sillane. Desta meraviglia la stretta connessione tra le pesantissime pietre, che lascia rari interstizi. Qui una balaustra in ferro protegge i resti di un possente torrione, scoperto anche questo dal Sordini, nel 1886.

La zona, fino al 1800, era abbastanza ripida e priva di strade, per cui la difesa muraria si aggiungeva opportunamente alle difese naturali. La stessa cosa accadeva probabilmente, a valle della attuale Via Pierleone, ove però i resti non sono visibili.

Mappa