Palazzo Mauri

Descrizione

Fu eretto nella secona metà del 1600 dalla nobile famiglia Mauri. Fu disegnato da Giovan Battista Mola, elvetico. Egli disegnò anche la Cappella Mauri (o "della Icona"), nel Duomo.

Una particolarità: la seconda finestra a livello terra, a sinistra del portone, è chiusa. Vi era, infatti addossata una fontana, quella che oggi si trova in largo Muzio Clementi, spostata perchè ingrombrava la viabilità.

Fu sostituita con quella di Porta Monterone.

E' stato sede della Accademia Spoletina e dell'Archivio di Stato, per poi ospitare la biblioteca di Spoleto, che però lo abbandonò per quasi un ventennio a causa del sisma del 1997.

Oggi, perfettamente restaurato, ospita al piano terra la sala lettura libri e periodici, nonchè il punto internet ed un bar: il "Caffè Letterario". Infatti la corte interna è stata coperta a vetro per divenire un ambiente luminosissimo ed ospitale.

Al piano nobile le sale per la consultazione dei volumi, la sala convegni, il Centro di Documentazione Multimediale, l'archivio del Teatro Lirico Sperimentale. Qui alcune sale sono decorate da affreschi di Alessandro Bottoni (1662), Giuseppe Valeriani (1740) e Domenico Sergardi (1748).

sito istituzionale della biblioteca

Mappa