Lavatoio di Monterone

Descrizione

Quando l'acqua corrente nelle case non c'era (cioè dai tempi dei romani e medioevali, fino a poche decine di anni fà!) era importante avere in città fontanelle per approvigionarsi, pozzi, ove possibile, cisterne ed anche le "fonti", cioè luoghi ove oltre all'acqua si trovavano anche ampie vasche per lavari i panni.

Era anche un luogo di incontro e socializzazione, un punto importante, insomma, della polis.

Questo lavatoio di Monterone è il più nascosto della città, ignoto a molti spoletini, ma è il più grande (sintomo dell'importanza medioevale di questo quartiere) e ben conservato.

Consta di uno spazioso ambiente coperto cui si accede per due grandi arcate. Contiene ben quattro cannelle, ognuna delle quali è contornato una formella con la testa di leone.

Mappa